Wikia

Horror Wiki

Rosso sangue

Discussione0
304pagine in
questa wiki
Rosso sangue
Rosso sangue.jpg
Una scena del film
Titolo originale: {{{titolooriginale}}}
Lingua originale: {{{linguaoriginale}}}
Paese: Italia
Anno: 1981
Durata: 93 min
Colore: colore
Audio: {{{tipoaudio}}}
Rapporto: {{{ratio}}}
Genere: horror
Regia: Joe D'Amato
Soggetto: John Cart
Sceneggiatura: John Cart
Produttore: Joe D'Amato & Donatella Donati
Produttore esecutivo: {{{produttoreesecutivo}}}
Produttore associato: {{{produttoreassociato}}}
Casa di produzione: Metaxa Corporation & Filmirage S.r.l.
Distribuzione (Italia): {{{distribuzioneitalia}}}
Storyboard: {{{nomestoryboard}}}
Art director: {{{nomeartdirector}}}
Character design: {{{nomecharacterdesign}}}
Mecha design: {{{nomemechadesign}}}
Animatori: {{{nomeanimatore}}}
  • George Eastman: Niko Tanopulos
  • Charles Borromel: Sergente Ben Engleman
  • Annie Belle: Emily
  • Katya Berger: Katia Bennet
  • Kasimir Berger: Willy Bennet
  • Hanja Kochansky: Signora Bennet
  • Ian Danby: Signor Bennet
  • Ted Rusoff: Dottor Kramer
  • Edmund Purdom: Padre greco
  • Cindy Leadbetter: Peggy
  • Goffredo Unger: lavoratore macelleria
  • Lucia Ramirez: attrice telenovela (non accreditata)
  • Mark Shannon: attore telenovela (non accreditato)
  • Michele Soavi: motociclista (non accreditato)
{{{nomedoppiatorioriginali}}}
{{{nomedoppiatoriitaliani}}}
Episodi:
Fotografia: Joe D'Amato
Montaggio: George Morley
Effetti speciali: {{{nomeeffettispeciali}}}
Musiche: Carlo Maria Cordio
Tema musicale: {{{temamusicale}}}
Scenografia: Helen Crosby
Costumi: Helen Crosby
Trucco: {{{nometruccatore}}}
Sfondi: {{{nomesfondo}}}
{{{nomepremi}}}
Prequel: {{{nomeprequel}}}
Sequel: {{{nomesequel}}}
Si invita a seguire le linee guida del Progetto Film



Rosso sangue è un film del 1981, diretto da Joe D'Amato sotto lo pseudonimo di Peter Newton.

TramaModifica

Niko Tanopulos è un criminale che, inseguito da un prete, fuggendo si provoca una ferita all'addome tentando di scavalcare un cancello. Catturato, viene portato in un ospedale. Durante gli esami i medici scoprono che le sue cellule e i suoi tessuti si rigenerano a una velocità impressionante. Il prete dichiara alla polizia che l'uomo è il frutto di un esperimento genetico, praticamente indistruttibile, e che il suo unico punto debole è il cervello, che una volta danneggiato non è più in grado di rigenerare nuove cellule.

Dopo aver ucciso brutalmente un'infermiera servendosi di un trapano, Niko riesce a fuggire dall'ospedale. Entra nel laboratorio di una macelleria, uccide l'uomo che sta lavorando, gli sega in due il cranio e poi quindi scappa.

Vagando per il paese uccide anche un ragazzo in moto, soffocandolo e lasciandolo in una pozza di sangue, quindi entra in una casa dove vivono Katia, costretta a letto da una grave malattia, e il fratellino Willy. La baby sitter lascia la porta socchiusa e Niko riesce a penetrare nella casa, dopo aver ucciso il cane, quindi uccide la baby sitter con una picconata in testa.

Arriva l'infermiera che si prende cura di Katia, e scopre il corpo della baby sitter. Sconvolta, tenta di far uscire di casa il bambino, quindi si barrica nella stanza di Katia. Ma Niko riesce a catturare l'infermiera e la trascina vicino al forno a gas della cucina. La testa della donna viene infilata nel forno e cotta. Ma non è ancora morta, e tenta di accoltellare Niko alla gola. L'uomo reagisce e finisce la donna, uccidendola con un paio di forbici.

Katia intanto si libera dell'apparecchiatura che la costringeva a letto e tenta la fuga. Niko si accorge di lei e tenta di catturarla, ma Emily reagisce e gli pianta negli occhi un compasso. Niko urla ed è accecato, ma riesce lo stesso ad uccidere il prete che ha fatto irruzione nella casa.

Katia prende un'ascia e lo decapita, quindi si rivolge al fratellino dicendogli di non avere più paura, e gli mostra la testa mozzata di Niko.

Note Modifica

In origine, il film era stato concepito come il sequel di Antropophagus, diretto dallo stesso D'Amato nel 1980. George Eastman, l'attore principale e autore della sceneggiatura con lo pseudonimo John Cart, era però contrario e riscrisse il film ispirandosi ad Halloween, la notte delle streghe, diretto da John Carpenter nel 1979.

Il film fu girato a Fiano Romano, dove fu ricostruita la villa in cui è ambientata la storia.

Nel 1984 fu inserito nella lista dei "video nasty" e fu bandito in Inghilterra.

In una scena la baby sitter di Emily guarda in televisione una telenovela, ma in realtà è una scena tratta da Sesso nero, film porno diretto da D'Amato nel 1979. I dialoghi sono stati cambiati, come se fosse, appunto, una telenovela.

Negli Stati Uniti è uscito come Antropophagus 2, spacciandolo come un seguito del cult Antropophagus.

Locandina Modifica

File:Rosso sangue locandina.jpg

Nella rete di Wikia

Wiki a caso